SCUOLA CAPOFILA DEL PROGETTO NDSAN 2014

 

Istituto Comprensivo Statale - ICS

Certificazione Marchio SAPERI per la Qualità e l'Eccellenza nella Scuola dal 2013

Membro NDSAN (Scuola Capofila)

 

OBIETTIVI

L‘Istituto Comprensivo "E. Pestalozzi" opera a Torvaianica, insediamento di circa 15.000 abitanti, gravitante nell‘area metropolitana di Roma, collegato, senza soluzione di continuità, a Pomezia dove risiede la sede comunale. L‘abitato di Torvaianica nasce in un contesto territoriale privo di un nucleo urbanistico storico, pertanto, il suo sviluppo è avvenuto in seguito alla pressione dei flussi migratori legati, dapprima, all‘industrializzazione della zona di Pomezia, e poi, ai più ampi movimenti dovuti alle modificazioni politico-sociali dell‘Europa ed alle problematiche dei paesi extracomunitari.

Il nucleo fondante dell‘attuale I.C. ―Enrico Pestalozzi è costituito dalla scuola secondaria di I grado, nata alla fine degli anni sessanta. In seguito al Piano di Dimensionamento Scolastico, attuato nell‘anno 2013, l‘Istituto comprende attualmente: la sede centrale di Scuola Secondaria di I grado, il limitrofo Circolo Didattico Don Milani,  interamente confluito nei plessi di Scuola Primaria e 3 plessi di Scuola dell‘Infanzia.

Nella scuola secondaria tutte le classi sono a tempo normale (30 ore settimanali); nella scuola primaria sono presenti classi a tempo normale (27 ore settimanali) e prolungato (40 ore settimanali comprensive di servizio mensa); nella scuola dell'infanzia sono presenti classi a tempo normale (40 ore settimanali comprensive di servizio mensa) e a tempo ridotto (25 ore settimanali).

Per garantire un vasto ampliamento dell'O.F. l'Istituto promuove numerosi progetti; essi sono parte integrante della progettazione curriculare, sono soggetti a verifica dei risultati di apprendimento e vengono certificati con un attestato di frequenza. I progetti curriculari si svolgono in orario scolastico e/o in orario extrascolastico.

La Mission dell’Istituto è promuovere una cittadinanza attiva, valorizzando le differenze e garantendo i diritti di uguaglianza e libertà; assicurare il diritto allo studio, all’inclusività e al successo formativo degli alunni.

L‘I.C. E. Pestalozzi ha ottenuto, nel 2013, il riconoscimento e la certificazione del Marchio SAPERI. Il Marchio SAPERI per la Qualità e l‘Eccellenza della scuola, di proprietà dell‘ Ufficio Scolastico della Regione Piemonte, ha i seguenti obiettivi:

¨ Diffondere nelle scuole la cultura della Qualità, attraverso la diffusione dei principi del TQM, per il miglioramento continuo in particolare dei processi di insegnamento e apprendimento;

¨ Valorizzare la qualità esistente all‘interno degli istituti piemontesi e diffondere le migliori pratiche.

¨ Favorire il confronto tra le scuole mediante audit (peer assessment), attività di confronto (benchmarking) e autovalutazioni secondo i modelli d‘eccellenza europei (EFQM/CAF). Le scuole che ottengono il riconoscimento del Marchio vengono iscritte in un apposito registro custodito dall‘USR. Le esperienze migliori vengono diffuse.

 

L'IC PESTALOZZI, LA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE E GLI ALTRI BES

L‘Istituto persegue i suoi compiti concentrando l‘impegno di ricerca e di azione sulla didattica, nella convinzione che in essa si concretizza la centralità e la qualità del servizio scolastico. Una didattica aggiornata e flessibile, fondata sulla professionalità e sulla collegialità degli operatori, volta all‘orientamento, rappresenta lo strumento per garantire ad ogni allievo il proprio successo formativo, per dare risposta ai bisogni, ma anche per valorizzare i meriti. Inoltre azione comune è quella dell'applicazione delle buone prassi condivise con il territorio e con i gruppi di ricerca  che partecipano al progetto NDSAN (New DSA Network)

     Per assicurare agli studenti di nazionalità non italiana, soprattutto se di recente immigrazione e di ingresso nella scuola in corso d‘anno, la possibilità di seguire un efficace processo di insegnamento-apprendimento - e quindi una loro effettiva integrazione - sono attivate iniziative di alfabetizzazione linguistica. Le principali azioni di socializzazione interculturale poste in essere dalla scuola sono: Protocollo d'accoglienza che detta le linee fondamentali di una pedagogia interculturale; presenza di mediatori culturali per facilitare il rapporto scuola-famiglia-territorio; rapporti e accordi con Enti Locali e Associazioni per garantire maggiori opportunità d'intervento, come l'organizzazione di attività extrascolastiche e iniziative atte ad una migliore integrazione di tutte le famiglie. La Commissione Intercultura, di anno in anno, amplia e potenzia tali iniziative realizzando un progetto di accoglienza adeguato agli effettivi bisogni dell‘alunno.

Con la Legge n. 18 del 3 marzo 2009, il Parlamento italiano ha ratificato la Convenzione ONU per i diritti delle persone con disabilità. Ciò che caratterizza la Convenzione ONU in questione è di aver decisamente superato un approccio focalizzato solamente sul deficit della persona con disabilità, accogliendo il modello sociale della disabilità e introducendo i principi di non discriminazione, parità di opportunità, autonomia, indipendenza con l‘obiettivo di conseguire la piena inclusione sociale, mediante il coinvolgimento delle stesse persone con disabilità e delle loro famiglie.

L‘Istituto attiva tale processo di integrazione attraverso il coordinamento e la collaborazione di tutto il personale docente, curriculare e per le attività di sostegno, che definiscono gli obiettivi di apprendimento per gli alunni in difficoltà in correlazione con quelli previsti per l‘intera classe. Il Profilo Dinamico Funzionale e il Piano Educativo Individualizzato (P.E.I.) sono i momenti concreti in cui si esercita il diritto all‘istruzione e all‘educazione dell‘alunno con disabilità.

La scuola ha istituito un protocollo per gli alunni con Disturbi Specifici dell‘Apprendimento nel quale si declinano i compiti e le responsabilità delle parti interessate: istituzione scolastica, famiglia e servizi territoriali.

 

Insieme alla ASL RM H4 - Unità Operativa di Neuropsichiatria Infantile (UONPI), ha attivato alcune importanti prassi sui BES, scaricabili in questa pagina.

 

 

 

Copyright 2014