ENTE FINANZIATORE:  MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE (MIPAAF) 

CAPOFILA:  ISTITUTO PER LA FAMIGLIA ONLUS ALBANO - ARICCIA (IPF)

PARTNER NDSAN:  FEDE IN AZIONE - COOPERATIVA SOCIALE ONLUS (FIA), MAENDELEO FOR CHILDREN (MFC)

ALTRI PARTNER: CHIESA CRISTIANA EVANGELICA PENTECOSTALE - CECCHINA (RM)

                               ASS. IPF - sez. zonale LA CASTAGNETTA (IPF CASTAGNETTA)

                               CHIESA EVANGELICA INTERNAZIONALE CEVI CASTAGNETTA 

                               CONSOFT INFORMATICA SRL

                               COMUNE DI ALBANO LAZIALE    

                               COMUNE DI ARICCIA                     

 

Abstract:

Il progetto intende sviluppare una piattaforma online che metta in contatto i vari attori della filiera di distribuzione delle rimanenze agro-alimentari. In particolare, quello che la piattaforma offrirà è uno spazio in cui gli esercizi commerciali e le imprese agricole possono comunicare la tipologia e la quantità di eccedenze in loro possesso, permettendo a IPF e ai comuni partecipanti di organizzare la loro raccolta. Una volta raccolte le eccedenze e gli scarti alimentari, IPF provvede al loro smistamento, eventuale confezionamento e porzionamento, attraverso un’efficace gestione del magazzino, data anch’essa dall’uso della piattaforma (spazio dedicato). Una volta completata questa fase, IPF provvede alla distribuzione del cibo e delle bevande immagazzinate, o attraverso distribuzione diretta o attraverso fornitura ad altri soggetti donatori, che, sempre attraverso la piattaforma, comunicano le loro esigenze.

I comuni partecipanti contribuiranno all’organizzazione di una distribuzione delle scorte alimentari raccolte a favore delle famiglie bisognose. Tramite indicazione delle famiglie bisognose in base al reddito ai partner di progetto incaricati della gestione del magazzino scorte, le suddette famiglie potranno fare richiesta per l’elargizione di determinati prodotti in loco, recandosi al magazzino (tramite previo appuntamento per permettere ai volontari presenti nel magazzino di smistare i prodotti e preparare la consegna).

Per promuovere l’uso della piattaforma da parte nuovi utenti, soprattutto esercizi commerciali e imprese agricole, i comuni aderenti promuoveranno la guida, che verrà sviluppata nel corso del progetto, relativa alle modalità e i requisiti di accesso per gli incentivi derivanti dall’uso sostenibile delle risorse e dalla riduzione degli sprechi.

Infine, oltre alle classiche attività di promozione e diffusione, l’ultimo mese di progetto, tutti partner si uniranno per una cena sociale realizzata con l’uso delle eccedenze alimentari raccolte. Alla cena verranno invitati gli utenti finali (persone senza fissa dimora e famiglie in difficoltà) che durante il corso del progetto hanno beneficiato della distribuzione di cibo e bevande, e la comunità interessata a prendere parte.

 

Copyright 2014