Titolo:  Musicando

Durata:  

Periodo:  2017 - 2018

Budget complessivo:   9.500 euro

Co-finanziamento ottenuto:   9.500 euro

Ente finanziatore:  Fondo Sociale Europeo – Regione Lazio  

 

Ente capofila:

Fede in Azione Soc.Coop. - RM

 

Partner NDSAN: 

Maendeleo for Children - Ciampino (RM)

 

Attività previste: 

Il progetto-laboratorio nasce dall’esperienza di FIA e del suo centro ArtiSuoni, e sviluppa un’innovativa applicazione della musicoterapia classica all’interno dell’ambiente scolastico in chiave di inclusione sociale, integrazione e benessere scolastico.

I destinatari dell’intervento sono 2 classi di 23 e 21 alunni, entrambe con un bambino autistico, della scuola primaria dell’IC Marino Centro. I soggetti target dell’intervento sono ragazzi con Bisogni Educativi Speciali (BES) siano essi portatori di handicap fisici certificati o disturbi neuropsichiatrici diagnosticati, oppure ragazzi con esigenze di maggiore attenzione dovute a particolari contesti socio-economico-culturali di provenienza, insieme a tutto il gruppo classe per rafforzare il contesto inclusivo.

L’intervento si propone di diminuire il rischio di dispersione scolastica dei ragazzi con BES, offrendo loro sostegno in termini di star bene a scuola come nella società, favorendo lo sviluppo delle potenzialità dell’individuo e il rafforzamento cognitivo, in una maturazione globale attraverso la relazione. Il progetto intende, in particolare, incrementare le opportunità degli studenti di permanenza negli studi, di inserimento, inclusione sociale, progettazione di percorsi di crescita formativa e professionale di successo, attraverso l’introduzione di un percorso musicoterapeutico inclusivo, legato al rinforzo esperienziale positivo e alla creazione di dinamiche empatiche di gruppo capaci di portare un globale miglioramento della capacità di autogestione fisica, emozionale e relazionale dei ragazzi, nonché ad un sistema collaterale di trasferimento nella didattica tradizionale dei risultati raggiunti

In un’ottica di sviluppo di una “scuola delle competenze”, il progetto adotta come strumento primario la metodologia di percorso laboratoriale abbinato alla diffusione delle arti performative (la musica e l’educazione al suono) come mezzo educativo e al contempo inclusivo. Il Laboratorio è inteso come luogo in cui il fare insieme diventi strumento e possibilità per creare situazioni di reale collaborazione fra gli alunni ciascuno con le proprie competenze ed il proprio bagaglio di diversità. Considerata anche la valenza specifica dell’intervento di natura musicoterapica, l’impatto sui ragazzi con BES è davvero considerevole dal punto di vista cognitivo, ma anche per i compagni senza problematiche particolari si registrerà un forte impatto positivo su relazionalità, comportamenti e affettività.
Per il miglioramento della qualità del sistema in termini di successo scolastico/formativo e di rafforzamento della professionalità dei docenti, il progetto utilizza invece una metodologia innovativa di interscambio e di diffusione trasversale nella didattica ordinaria, dei risultati raggiunti nel percorso laboratoriale, e introduce un elemento di auto- formazione di ogni singolo istituto, in grado di rafforzare e rendere duraturi tali cambiamenti positivi nella didattica.


Secondo un modello già sperimentato dalla rete NDSAN (coinvolta nel progetto tramite il partner MFC), i docenti sono chiamati a tenere conto dei risultati manifestati dal musicoterapeuta, a cercare di sfruttarli nella didattica tradizionale e a moltiplicarne gli effetti attraverso ulteriori azioni di rinforzo positivo.

Pertanto, le attività previste sono:

1 – Creazione e implementazione di 1 percorso di musicoterapia innovativo, inclusivo e partecipato, finalizzato all’inclusione sociale e alla prevenzione della dispersione scolastico e al rinforzo cognitivo-comportamentale per il successo formativo/didattico. Organizzazione della restituzione finale con consegna di dvd alle famiglie per la condivisione del percorso effettuato con e dai ragazzi;

2 – Creazione di un sistema di formazione e di interscambio di informazioni con il corpo docenti delle classi interessate, per lo sviluppo di input capaci di integrare nella gestione del gruppo classe in didattica tradizionale, i benefici individuali e collettivi ottenuti dal percorso di musicoterapia.

Copyright 2014